Nuovo singolo per Gaia, che dopo l’ottimo riscontro della precedente traccia “Tokyo“, omaggia adesso l’universo femminile in “Dea saffica

Un’ode all’universo femminile, così variegato e sfaccettato. Arriva così “Dea saffica“, il nuovo singolo di uno dei nomi più freschi e interessanti della scena pop femminile italiana, Gaia. Dopo l’ottimo riscontro della precedente release “Tokyo“, che ha toccato le vette dell’airplay tricolore, l’artista torna adesso con questa nuova traccia, prodotta da Bias, in cui attraverso sonorità audaci e taglienti, esalta tutte le sfaccettature, a volte contrastanti e imperfette, della donna.

Il singolo, in uscita venerdì per Sony Music Italy e Columbia Records, è già disponibile in pre-save qui, e nel medesimo giorno della pubblicazione verrà distribuito anche per il mercato radiofonico. Di “Dea saffica” è stato realizzato anche un videoclip che, attraverso un’estetica spontanea e al contempo ricercata, il significato più profondo di questa canzone prenderà forma in immagini.

Nella clip, anche questa in uscita venerdì, Gaia guida lo spettatore in un mondo in cui sorellanza, rituali e connessione con la natura regnano sovrani. Circondata da sette ninfe, la cantautrice vuole mandare un messaggio forte e attuale: l’unione tra donne rende invincibili e la capacità di essere resilienti, racchiudere in sé forza e fragilità allo stesso tempo è proprio ciò che le rende uniche.

Snapinsta.app 435791383 2389023787951814 683801735967277476 n 1080

È un bel momento per Gaia, prossima ad inaugurare una nuova fase artistica con questa nuova traccia, già sostenuta dal successo di “Tokyo“, che ha raggiunto la numero uno della classifica dei brani più trasmessi in radio, secondo rilevazioni di Earone. L’artista s’è fatta notare anche all’ultima edizione del Festival di Sanremo, dov’è stata ospite di Big Mama nella serata dedicata alle cover in una performance all’insegna dell’empowering femminile al fianco della rapper, di Sissi e La Niña sulle note di “Lady Marmalade”.

Giornalista salernitano iscritto all’Ordine dei Giornalisti della Campania. Colleziono compulsivamente dischi e mi piace scrivere con la musica ad alto volume.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *