Splende il sole su Alfa: dopo la partecipazione a Sanremo e l’uscita del nuovo album, il giovane artista ha appena annunciato due nuove date del tour nei palazzetti

Prima il grande successo estivo, poi il debutto al Festival di Sanremo e l’emozione indimenticabile con Roberto Vecchioni. Successivamente il sold out al Forum d’Assago e la pubblicazione del nuovo album. Adesso per Alfa arriva ancora un’altra soddisfazione, l’aggiunta di nuove date alla tournée nei palazzetti, ad incorniciare un momento d’oro per il giovane artista, tra i nomi più rappresentativi della GenZ in musica.

Il tour, prodotto da Artist First, prende il nome proprio dal nuovo album dell’artista, “Non so chi ha creato il mondo ma so che era innamorato“, dato alle stampe il 16 febbraio scorso e che ha esordito nella top 10 dei dischi più venduti della settimana, classifica stilata dalla Fimi. Dieci le canzoni contenute nell’album, tra cui la traccia presentata al Festival di Sanremo, “Vai!“, già certificata disco d’oro per aver oltrepassato le 50mila copie digitali vendute.

La tournée è stata inaugurata dalla data al Forum d’Assago dello scorso 24 febbraio, andata sold out, che s’è rivelata un enorme successo di pubblico e critica. Alfa ha messo piede per la prima volta in una grande venue per cantare la sua musica al suo pubblico, sempre più vasto e affezionato. Il brivido dei grandi live, per l’artista, tornerà molto presto con le restanti cinque date del tour nei palazzetti di Padova, Torino, Napoli, Bari e Firenze.

È di oggi invece un’altra grande notizia: Il “Non so chi ha creato il mondo ma so che era innamorato Tour” s’allarga con due date, sempre nei palazzetti, fissate per il prossimo autunno. Alfa tornerà infatti prima al Palazzo dello Sport di Roma, il 16 novembre, mentre invece farà il suo ritorno lì dove il tour è cominciato, al Forum d’Assago, per un appuntamento programmato per il 25 novembre. I biglietti sono disponibili in prevendita su TicketOne, a questo link.

UN ALBUM ALL’INSEGNA DELL’AMORE

Pubblicato in digitale, e in una speciale versione picture disc, nel terzo album in carriera di Alfa, “Non so chi ha creato il mondo ma so che era innamorato”, il cantautore mette in note la sua visione di romanticismo, che per Alfa rappresenta «la vera rivoluzione». Dieci canzoni in cui l’amore fa da filo conduttore e che è da sempre tema ricorrente nella produzione dell’artista, a partire da quel cuore giallo, un simbolo che porta su ogni abito e che lo lega indissolubilmente anche al suo pubblico.

Può sorridere Alfa, guardando anche alla recente esperienza al Festival di Sanremo, dove è arrivato per la prima volta forte del successo del tormentone estivo “Bellissimissima <3“, certificato triplo disco di platino. All’Ariston ha portato un inno al coraggio, “Vai!”, un’esortazione a non mollare mai e a credere nei salti nel vuoto, anche quelli che fanno più paura. A proposito di salti: da guardare è il videoclip che accompagna la canzone, in cui si vede Alfa alle prese con un volo dal paracadute.

«Girare questo video è stata un’ esperienza molto forte che non penso di ripetere – ha affermato Alfa – Con “Bellissimissima” abbiamo iniziato questo concept di video musicali volti a toglierci delle paure. Le montagne russe non le avrei mai fatte, figuriamoci il lancio con il paracadute! Sono molto contento che il video sposi completamente l’immaginario della canzone. Andare richiede coraggio e questo è sicuramente il video musicale più coraggioso che abbia mai fatto. È stato anche un modo per togliermi un po’ di ansia pre-Sanremo perché ho pensato che l’Ariston mi avrebbe fatto meno paura se fossi riuscito a cantarla nel cielo».

ACQUISTA QUINON SO CHI HA CREATO IL MONDO MA SO CHE ERA INNAMORATO” DI ALFA

Altro momento che alfa custodirà per sempre di questa prima volta a Sanremo è senza dubbio il duetto, proposto nella serata delle cover, con Roberto Vecchioni. Grande ispirazione per il giovane cantautore, insieme hanno proposto una speciale versione di “Sogna ragazzo sogna“, scritto dal Professore nel 1999 e brano tra i più acclamati del repertorio di Vecchioni, per il suo significato di grande stimolo e incitamento verso le nuove generazioni, di cui Alfa ne è ambasciatore, a non mollare mai nelle sfide del quotidiano.

«Ho iniziato ad ascoltare le sue canzoni da piccolissimo, complici i miei genitori che ne sono da sempre fan. La canzone che canteremo insieme penso sia una delle sue perle più preziose e sarà per me un’emozione grandissima condividere con lui quel palco» ha detto Alfa, che ha ottenuto una benedizione speciale proprio da Roberto Vecchioni: «In mezzo ad una generazione che sparge odio e rabbia, Alfa ci mostra la speranza e la voglia di non abbattersi mai. Passato e presente: un unico comune valore».

Giornalista salernitano iscritto all’Ordine dei Giornalisti della Campania. Colleziono compulsivamente dischi e mi piace scrivere con la musica ad alto volume.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *