Nel suo nuovo singolo “Fare senza“, l’artista romano Bolo Mai si concentra su un amore giunto al capolinea, ma a cui i protagonisti non riescono a mettere la parola fine

Il nuovo singolo di Jean Michel Sneider, vero nome dell’autore romano Bolo Mai, è stato finalmente pubblicato sugli store di musica digitale. “Fare senza“, questo il titolo della traccia, è di fatto la canzone preferita tra quelle pubblicate nella giovane carriera dell’artista, tra le nuove leve più promettenti della scuderia targata Carosello Records. Parola dello stesso Bolo Mai.

Con questo singolo l’artista prosegue il suo lavoro di sperimentazione spostandosi tra cantautorato e musica urban. In “Fare senza” Bolo Mai sposta l’attenzione su un amore logorato dal tempo e non solo. Giunto ormai alla sua conclusione, nonostante i due protagonisti continuino a negare l’evidenza, diventa sempre più dura lasciarselo alle spalle e voltare pagina. Questo causa un profondo malessere, bruciando tutto l’ossigeno intorno e rendendo complicato costruire un nuovo avvenire senza il partner.

«“Fare senza” parla di relazioni tossiche e del vortice di abitudini malsane per le quali si può sviluppare una pericolosa e insensata dipendenza. Il sound è molto scuro e armonicamente instabile: ci sono i lati del cantautorato, della trap e del rock che amo di più», racconta l’artista, autore anche del videoclip che vede la partecipazione dell’attrice Beatrice Modica. La regia è stata curata da Yuri L. Falco assieme al direttore di fotografia Francesco Ciccone.

Proprio sulla clip che accompagna “Fare senza“, Bolo Mai (qui la nostra intervista in occasione dell’uscita del singolo “Ago e filo“) spiega: «In una relazione che non funziona, entrambi i partner sono costretti a reprimere delle parti troppo importanti di loro stessi. Il video vuole rappresentare il momento in cui queste sfuggono al controllo e la relazione precipita».

Giornalista salernitano iscritto all’Ordine dei Giornalisti della Campania. Colleziono compulsivamente dischi e mi piace scrivere con la musica ad alto volume.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *