La nota popstar internazionale Zara Larsson ha rilasciato venerdì il suo nuovo ed atteso album, intitolato “Poster girl“. Dodici i brani contenuti all’interno, che manifestano la grande crescite che l’artista, a suon di hit radiofoniche e dischi di platino, sta registrando. Nell’opera si susseguono momento emozionali e brani spensierati dalle tinte dance e r’n’b.

ZL POSTERGIRL ALB CVR STANDARD lr b
Copertina di “Poster girl”, nuovo album di Zara Larsson

Emancipazione femminile e ricerca della nostra essenza: sono questi, e non solo, i temi che la cantante di “Lush life” canta in questo disco, a cui hanno collaborato numerosi nomi noti nel settore e molto stimati dai colleghi, che più volte li hanno arruolati nelle proprie produzioni: Young Thug (con cui ha collaborato nel nuovo singolo “Talk About Love”), Max Martin, Julia Michaels, Justin Tranter (già collaboratore di Selena Gomez, Dua Lipa, Justin Bieber), Steve Mac (Ed Sheeran, Years & Years) e Camille Purcell (Little Mix, Mabel).

«Realizzando questo album sono cresciuta come persona – dice Zara – Più cresco, più divento sicura di me stessa e mi sento a mio agio. Non sono più adolescente, sono una giovane donna». L’artista ha inoltre aggiunto: «Penso che tutto il duro lavoro che ho fatto quattro anni fa mi abbia portato a questo punto. Sono una donna adulta adesso. Non lo ero quando ho pubblicato So Good (il suo precedente album, ndr), ero un’adolescente, e sento che questa è una grande differenza nel modo in cui mi sento nella vita e nel modo in cui voglio cantare delle cose».

In occasione della festività odierna dei diritti delle donne, Zara Larsson ha preparato uno show speciale, che ovviamente andrà in onda soltanto in digitale, sul suo canale YouTube, a causa delle disposizioni anti-Covid. Un concerto esclusivo che celebrerà la figura della donna e che sarà anche un’occasione per presentare alcuni brani di “Poster girl” per la prima volta dal vivo.

Ascolta su Spotify il nuovo album di Zara Larsson, “Poster girl

Open in Spotify

Giornalista salernitano iscritto all’Ordine dei Giornalisti della Campania. Colleziono compulsivamente dischi e mi piace scrivere con la musica ad alto volume.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.