C’è il trio elettronico italiano Meduza dietro l’inno che accompagna gli Europei di calcio 2024: “Fire”, in collaborazione con gli OneRepublic e Leony

Come da tradizione, a poche settimane dalla partenza dell’edizione 2024 degli Europei di Calcio – che si svolgeranno in Francia e in cui l’Italia, allenata da mister Luciano Spalletti, proverà a difendere il titolo conquistato nel 2021 – arriva sulle piattaforme streaming, nelle radio e in cassa l’inno scelto dalla Uefa per accompagnare la competizione calcistica del Vecchio Continente. Questa volta è toccato al trio elettronico tutto italiano dei Meduza, che condivide la scena con gli OneRepublic e la cantautrice tedesca Leony nel brano “Fire“.

Freschi di vittoria dei Beatport Awards per il remix dell’anno “Supermode – Tell Me Why“, i Meduza mettono in bacheca un nuovo, prestigioso trofeo, quello dell’inno di Euro2024. La traccia realizzata per l’occasione è stata svelata in anteprima nel corso di una performance a sorpresa tenuta dal trio all’evento Our House, nel cuore della Miami Music Week. Il pubblico presente ha risposto calorosamente alla traccia, che adesso è pronta a ritagliarsi il suo spazio sul mercato.

In merito alla release di “Fire“, i Meduza, che si esibiranno anche alla cerimonia di chiusura di Euro2024, raccontano: «Ora più che mai, il potere della musica di unire le persone è innegabile. Siamo entusiasti dell’uscita di “Fire”, l’inno ufficiale di UEFA EURO 2024, e ci auguriamo che la canzone accenda la passione degli amanti di calcio e di musica di tutto il mondo e li riunisca per festeggiare. Non vediamo l’ora che la competizione inizi e di illuminare il palco alla cerimonia di chiusura».

Una collaborazione di prestigio, questa per i Meduza con gli OneRepublic, autori di successi immortali negli anni 2000 e non solo, con importanti riconoscimenti in carniere come Grammy Awards. Ben riuscito anche l’innesto della cantautrice tedesca Leony, tra le più apprezzate della scena pop europea contemporanea. La traccia viene da sé: Fire” incarna la passione vibrante e, appunto, infuocata del calcio, capace di unire per un’estate milioni di persone intorno ad un pallone.

L’auspicio è che l’Italia e gli italiani possano tornare a festeggiare per le strade, così come fu tre anni fa. Euro2024 è in programma dal 14 giugno al 14 luglio in dieci città ospitanti in Germania: Berlino, Colonia, Dortmund, Düsseldorf, Francoforte, Gelsenkirchen, Amburgo, Lipsia, Monaco e Stoccarda. Protagonista il top del calcio europeo in un festival che riunisce tifosi da ogni angolo del mondo.

FOCUS ON: MEDUZA

In soli due anni dalla formazione, avvenuta nel 2019, i Meduza sono diventati gli artisti italiani più ascoltati nella storia della musica mondiale, superando i 21 miliardi di stream complessivi. Hanno riportato la musica house nelle radio diurne di tutto il mondo, ottenendo un grandissimo riscontro. Il trio – composto dai musicisti, produttori e DJ Luca De Gregorio, Mattia Vitale e Simone Giani – ha pubblicato il suo primo singolo Piece of Your Heart nel 2019, un successo globale con oltre 950 milioni di stream.

Da allora i Meduza hanno fornito la tela creativa a collaboratori del calibro di Ed Sheeran, Dermot Kennedy, Sam Tompkins, Florence Welch, John Legend, Hozier e Becky Hill. Hanno pubblicato hit dance schizzate in vetta alle classifiche statunitensi, ottenuto certificazioni multi diamante, platino e oro in tutto il mondo e persino una nomination ai Grammy, senza alcun segno di rallentamento.

Il calendario delle tournée dei Meduza è perennemente ricchissimo di appuntamenti a dimostrazione dell’insaziabile domanda per gli artisti elettronici più in voga del momento. Dai set a Elrow, Green Valley, Tomorrowland e EDC, alle residenze allo Zouk di Las Vegas e all’Hi Ibiza, fino al lancio di Our House, il loro nuovo concetto di club con James Hype, che ha registrato il tutto esaurito negli Stati Uniti e in Europa.

Giornalista salernitano iscritto all’Ordine dei Giornalisti della Campania. Colleziono compulsivamente dischi e mi piace scrivere con la musica ad alto volume.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *