Il cantautore Guzzi è tornato negli store di musica digitale con una nuova canzone, “Ti vedo da lontano

Dopo l’ottimo riscontro della precedente traccia “La notte porta consiglio“, finalista ad Area Sanremo TIM 2021 e oltre 60mila riproduzioni su Spotify, il talentuoso cantautore Guzzi è tornato quest’oggi sulle piattaforme digitali, con la collaborazione del produttore Mirko Mangano, in un nuovo singolo dal titolo “Ti vedo da lontano“, nato con naturalezza dalla sua Moleskine e pronto a raggiungere le playlist di fruitori di musica.

Negli scorsi giorni Guzzi aveva anticipato la pubblicazione del brano dando vita a un gioco che ha stuzzicato l’attenzione dei suoi seguaci, lasciando che scoprissero, attraverso la lettura del labiale dell’artista, il ritornello della canzone. Un ritornello magnetico per una ballata che sa sorprendere ed appassionare, migliorandosi anche rispetto al precedente singolo, che un’ottima risposta aveva ricevuto in terra ligure.

Presentando questo nuovo singolo, Guzzi ha detto: «Ci sono attimi che durano un’infinità. Questo succede quando la vita sembra rallentare di colpo, fino quasi ad immobilizzarsi e tutto quello che ci circonda si blocca. Incontrare nuovamente qualcuno che ci ha fatto stare bene, qualcuno con cui abbiamo condiviso un po’ di vita ma che adesso fa parte del passato è sempre un tuffo al cuore, ed è proprio questa la sensazione che ho provato a racchiudere nel brano “Ti vedo da lontano”».

«Vedersi da lontano è come riconoscersi. Si può quasi definire come una serie di immagini che scorrono a tutta velocità dentro la testa. Vedersi da lontano è come la sensazione di cadere all’ indietro quando ci dondoliamo troppo su una sedia. La voglia è quella di alzarsi e fuggire, ma i piedi e la testa non rispondono ai comandi. Allora una domanda sorge spontanea: era scritto nel destino che dovesse andare così oppure il destino è una spiegazione che ci siamo inventati per giustificare alcune cose?» ha aggiunto infine l’artista.

Open in Spotify

Giornalista salernitano iscritto all’Ordine dei Giornalisti della Campania. Colleziono compulsivamente dischi e mi piace scrivere con la musica ad alto volume.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *