Aiello è stato senza dubbio tra i Big più chiacchierati di ieri sera. La sua esibizione, per così dire sopra le righe, ha dato il via a meme che hanno invaso il web in pochissimi minuti. “Ora“, la sua canzone in gara al Festival di Sanremo 2021, non ha convinto la giuria demoscopica, che l’ha relegata all’ultimo posto. Ma il Festival, si sa, è capace di offrire colpi di scena e ribaltare le classifiche iniziali.

La canzone, una power ballad con sonorità contemporanee, incisa assume un’identità totalmente differente rispetto alla versione dal vivo, e chissà che non possa alla lunga rivelarsi un successo di vendita di questa edizione. «Parla di quando non riusciamo a superare una storia passata che ci ha fatto male, che ci ha ferito. Chi viene dopo si prende purtroppo la parte peggiore di noi, che sembra quella peggiore, ma non lo è», ha affermato Aiello.

“Ora” sarà contenuta in “Mediterraneo“, il nuovo album di Aiello in uscita il 12 marzo prossimo, che conterrà anche la hit estiva “Vienimi (a ballare)“, di recente certificata disco di platino da Fimi/Gfk.

Testo di “Ora” di Aiello

Ora ora ora ora
Mi parli come allora
Quando ancora non mi conoscevi
Pensavi le cose peggiori

Quella notte io e te
Sesso ibuprofene
Tredici ore in un letto
A festeggiare il mio santo
Il giorno dopo su un treno che mi portava a casa
Nessuno mi aveva detto “devi tornare a scuola”

Mi sono perso nel silenzio delle mie paure
L’atteggiamento di uno stronzo, invece era terrore
Non riuscivo a dirti che mi ricordavi di lei
Mi ricordavi di lui, ero fuori da poco

Ora ora ora ora
Te la ricordi ancora
Quella notte io e te
Sesso ibuprofene
Avevo il cuore malato
Ma tu non lo vedevi
Mi tenevo le pezze gelide dietro al petto
Ci tenevo a mostrarmi come un drago nel letto

Mi sono perso nel silenzio delle mie paure
L’atteggiamento di uno stronzo, invece era terrore
Non riuscivo a dirti che mi ricordavi di lei
Mi ricordavi di lui ero fuori da poco
Mi sono perso nella notte, non mi hai mai abbracciato
E mi vergogno a dirlo di solito sputo fuoco
Non riuscivo a dirti che mi ricordavi di lei
Mi ricordavi di lui, ero fuori da poco

Ho visto foto di te
Il tuo compagno, una bambina
Poi quella casa l’hai finita
Dovevi portarci me
Dovevi portarci me
Sesso ibuprofene

Mi sono perso nel silenzio delle mie paure
L’atteggiamento di uno stronzo, invece era terrore
Non riuscivo a dirti che mi ricordavi di lei
Mi ricordavi di lui ero fuori da poco
Mi sono perso nella notte, non mi hai mai abbracciato
E mi vergogno a dirlo di solito sputo fuoco
Non riuscivo a dirti che mi ricordavi di lei
Mi ricordavi di lui, ero fuori da poco

Video di “Ora” di Aiello

Giornalista salernitano iscritto all’Ordine dei Giornalisti della Campania. Colleziono compulsivamente dischi e mi piace scrivere con la musica ad alto volume.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *